Milano Off

Terza edizione del festival Milano Off  dal 17 al 22 settembre 2019 

Con immenso piacere vi presento questa rassegna così originale e ricca di cultura che si svolge a Milano in contemporanea con il Fashion Week del quale poi vi parlerà la nostra redattrice Sophie.

Ho seguito e ho visto spettacoli e presentazioni ogni anno grazie alla preziosa conoscenza con gli organizzatori di questa magnifica iniziativa. Sono felice di parlarne su Burlesque News perché si tratta di arte, cultura, spettacoli, clownerie, musical, recitazione. Un festival variegato, ricco di artisti, giornalisti, esperti, insomma si respira un’aria coinvolgente e magica

La Fabbrica del Vapore è il fulcro della terza edizione del festival teatrale Milano Off, che quest’anno si chiama “Milano Off Fringe Festival” entrando a far parte della World Fringe Community e confermando la collaborazione con il festival Off di Avignone. L’appuntamento è dal 17 al 22 settembre quindi avete ancora tempo per vedere gli spettacoli e partecipare alla grande festa di chiusura di domenica. L’idea cardine è far riscoprire e riconoscere l’identità culturale contemporanea di Milano con un teatro di qualità, di attualità sociale e di innovazione dei linguaggi, rivitalizzando i quartieri e gli spazi cittadini.

La giuria coordinata da Francesca Vitale , direttrice artistica del festival, sceglierà gli spettacoli migliori, che avranno l’opportunità di essere inseriti in festiva e rassegne. Alla Fabbrica del Vapore sarà ospitato il Village Off, una stazione artistica da cui partire con mostre, incontri, workshop e performance itineranti.

Francesca Vitale

La novità del 2019 è la sezione Musical Off per la direzione di Marco Cascelle. Inoltre, sono previste anche performance estemporanee sia al Village Off in Fabbrica del Vapore sia nei negozi delle zone limitrofe alla Fabbrica e alle strutture teatrali coinvolte.

I luoghi del festival: Sound Off Space – Sala Musical (FdV), One Off Space – Sala Monologhi (FdV), Teatro della Cooperativa (via Hermada 8), Isolacasateatro (via Jacopo dal Verme 16), Teatro Libero (via Savona 16).

Renato Lombardo, l’ideatore del festival, spiega che questa edizione è dedicata alla celebrazione dei 50 anni dall’allunaggio.  L’ obiettivo è presentare artisti fuori dalle mura dei centri di potere (fringe), che troppo spesso bloccano le loro ali di pensatori liberi e a cui dovrebbe essere concesso il beneficio dell’incoerenza, che genera rinnovamento vitale e arte.

I “testimonial” del festival sono Jango Edwards (uno dei padri della clownerie moderna, al Village Off il 17 settembre), Moni Ovadia (regista, attore e cantante, al Village Off il 22 settembre), Raul Cremona (prestigiatore e cabarettista, iniziò al Derby.

Buon divertimento!

Cristiana De Giglio

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*